lunedì 31 maggio 2010

Tendine per la cameretta.

Ho voglia di rivoluzionare casa! In questo periodo nero (già, non finisce mai!) avrei voglia di cambiare tutto! Purtroppo non si può! Ma, nei limiti del possibile, qualcosa posso fare, come ad esempio cambiare la tenda della cameretta di mia figlia. Per dodici anni l'ha avuta lunga fino a terra (un unico pannello con apertura a destra), bellissima, ma molto scomoda. Ieri ho detto basta, devo fare delle tendine a vetro, anche se non è molto bello da vedere, ma io preferisco la praticità... ed anche mia figlia. Ogni volta, per arieggiare la stanza, bisognava spostare la tenda al di sopra dell'anta e sollevarla quando si pulivano i pavimenti. Così oggi, vista la splendida giornata di pioggia, mi sono rinchiusa nella sewing-room e ci sono rimasta fino a sera.
La mantovana l'ho fatta in un tessuto giallo/arancio, colore predominante nella cameretta, e l'ho fatta come quella verde nella stanzetta di mio marito: superarricciata




 
Le tendine, invece, sono color panna ed hanno una lavorazione simile al pizzo sangallo: me ne sono innamorata subito. Siccome sono molto indecisa su come rifinirle, le ho provvisoriamente raccolte in un fiocco fatto con la stoffa della mantovana, ma non mi soddisfano per niente


 
L'idea iniziale era quella di raccogliere l'orlo in fondo con una calamita tipo questa

http://www.calamite.info/tende.1.jpg

perciò le ho lasciate lunghette, ma alla fine credo che ci metterò il bastoncino per tenerle ben ferme, magari bordandole con la stessa stoffa della mantovana, boh. Comunque appena saranno definitive rimetterò le foto.

PS: sono riuscita a trovare un paio di foto della vecchia tenda anche se non si vede per intero


 

mercoledì 19 maggio 2010

Un pensierino anche per lei...


Non è assolutamente grassoccia, anzi, ma mooolto pigra. Adesso ha tre anni, che, dicono, corrisponderebbero ai nostri venti/venticinque (circa), quindi non ha più il morbin di una volta di saltare sul divano da sola (solo se c'è qualche motivo interessante),  anche se in giardino si fa delle corse pazze.
Quindi ho pensato di acquistarle una scaletta apposita (foto web)


Purtroppo nei vari negozi di animali non ne ho viste  ed in internet costano troppo (ed in più ci sono le spese di spedizione). Così, pensa che ti ripensa, ho scovato in cantina un piccolo pallet in legno che faceva da sostegno ad uno scatolone: ma com'è che ce l'ho? Ah, sì, non butto mai via niente! E meno male!
In dieci minuti ho fatto uno scagno (bello largo rispetto ad uno sgabello normale) per Bianca



 
Ci ho messo sopra un foglio triplo di imbottitura che ho ricoperto con la solita stoffa che uso per il soggiorno, il tutto fissato con punti nascosti di cucitrice: non è proprio un bel vedere, ma a noi basta così


 
All'inizio era titubante, poi ha iniziato a prendere confidenza ed ora ci dorme sopra!

lunedì 10 maggio 2010

Ancora sac Berlingot.

Questa l'ho fatta per mia figlia, ieri pomeriggio, complici il maltempo e la voglia di contraccambiare il suo Amore per me. Lo so, gliene ho fatte tante, di borse, di tutti i tipi, colori e misure, tanto che alle volte non sa con quale uscire!
Ma le è piaciuta talmente tanto la mia, che ho voluto farle una sorpresa.
Ho scelto un colore di base più simile al jeans, cosicchè la può usare con tutto. Per il resto è identica alla mia, a parte il manico mooolto più corto (su suo desiderio)



Ieri sera, appena è rientrata a casa, gliel'ho consegnata con sua grande gioia (e mia soddisfazione)!
Ps: quasi quasi mi piace di più questa, come colore: ha molto più carattere!

domenica 9 maggio 2010

Festa della Mamma.

GLI AUGURI DI MIA FIGLIA



GRAZIE, AMORE DI MAMMA

giovedì 6 maggio 2010

Bustina portaocchiali.

In due minuti mi sono fatta anche il portaocchiali in tinta, come per l'altra borsa, visto che devo sempre averli con me (anche questi da sole sono da vista!)


 

mercoledì 5 maggio 2010

Sac Berlingot.

Ci ho messo meno tempo a fare la borsa anzichè il post! Mi scuso del ritardo.
Allora: inizio col dire che mi sono innamorata di questa borsa appena l'ho vista qui (ce ne sono altre in varie fantasie, scorrendo il blog) ed ho trovato il tutorial qui.
Devo dire che, dalle foto delle spiegazioni, mi sembrava molto più semplice ma in realtà, come ho detto, ci ho passato due pomeriggi interi per farla il più perfetta possibile. Il bello di questa borsa è che non ci sono cuciture di risvolto all'interno della fodera e dopo spiegherò il perchè.
Eccola in tutto il suo splendore


 


TUTORIAL:


Premetto che la fodera interna avrebbe dovuto essere un quadrato di un'unica stoffa 60x60, purtroppo la mia non mi bastava (di solito compero pezze di stoffa di cm  25 o 30 o, come in questo caso, 50xl'altezza, tanto per averle) quindi ho pensato di fare l'interno esattamente come l'esterno, cosicchè i quadrati, cucendoli diritto contro diritto, risultano fuori quadretti/dentro tinta unita e viceversa.
Quindi questo è l'esterno


  
e questo l'interno con tasche per cellulare, penna, etc...



Ho quindi posizionati i due pezzi dritto contro dritto ed ho cucito lungo tutto il bordo

 
per cui, come detto più sopra, per non fare brutte cuciture di chiusura sul diritto, ho lasciato la fodera aperta nel mezzo, tanto, poi, viene chiusa con una specie di quiltatura.
Ma andiamo con ordine.
Per non dover cucire anche i laccetti, ho usato un nastrino di quelli acquistati in Inghilterra, ne ho tagliato quattro pezzi di 30 cm e li ho posizionati sui quattro lati verso l'interno


 
ed uno fatto a cappio su uno dei quattro angoli



Ho poi rigirato il tutto (qui si vede bene dove vanno posizionati i lacci e la chiusura)


e, dopo aver inserito il foglio di imbottitura, ho cucito la chiusura con uno zigzag ed ho fatto alcuni giri di quiltatura per rendere più solido il fondo


Con degli spilli ho predisposto i quattro angoli in modo da vedere quanto fare lunghe le cuciture, più lunghe sono meno si apre la borsa, io le ho cucite fino a circa metà (dove si vedono gli spilli)


ecco come sono venute


Ho quindi formato i due fiocchetti laterali per vedere il risultato finale


 
ed ho attaccato il bottone di chiusura



Bene, il più è fatto. Ora manca il manico.
Il tessuto in lino dev'essere più largo di quello fantasia. Alla fine ho rivoltato il tutto e stirato bene


Ho cucito il manico all'interno della borsa mentre all'esterno, in corrispondenza della cucitura, ho posizionato due bottoncini uguali ma leggermente più piccoli di quello di chiusura


 
Mamma mia, quanto mi piace! Chissà se avrò il coraggio di usarla!
Bene, questo è tutto e per il momento non ho altri lavori in vista.

lunedì 3 maggio 2010

Stasera...

... causa l'ora tarda, posso mostrare solo le bellissime stoffe che ho usato, ma non voglio anticipare per cosa



 
E' un lavoro tutto per me, che desideravo fare da tempo, ma che in questo brutto periodo che ho passato e che sto passando, non ne avevo proprio voglia.  Finalmente da venerdì sono in ferie, così mi sto rilassando mentalmente (anche se fisicamente sto malissimo causa allergia ai pollini) ed ecco che ieri, complice il maltempo, mi è venuta una voglia pazzesca di cucire, così ho iniziato il lavoro che ho finito poco fa. E' venuto davvero bene, modestamente e ne sono felicissima.
A domani con le foto ed il tutorial.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...