giovedì 31 gennaio 2008

Libri.

Come vi ho anticipato lunedì, sabato scorso sono stata a Trieste per il solito giro negozi di ricamo - familiari. In mattinata sono finalmente riuscita ad andare nel nuovo negozio di Filomania, anche se per il momento non ho niente di importante da acquistare, giusto per rifarmi gli occhi. Purtroppo ho trovato dei meravigliosi libri danesi, simili a quelli di Tilda (che qui non si trovano) e così ne ho comperati due, uno per me ed uno per mia sorella. Sono pieni zeppi di cose bellissime, con tutte le relative spiegazioni, quindi facili da capire.  Ho fotografato solo il mio, ma quello di mia sorella l'ho trovato in google, così ve li posso far vedere tutti e due:

 

Abbiamo deciso di scambiarceli quando avremo fatto le cose che ci piacciono di ognuno. Ce n'erano degli altri che mi riservo di acquistare in futuro .
Mia sorella, come al solito, non ha voluto essere da meno, e mi ha fatto trovare un regalino molto gradito e soprattutto utile: un biscornou puntaspilli da polso


 

Senza contare che mi ha pure restituito i soldi del libro!!! Matta di una sorella .

mercoledì 30 gennaio 2008

Maglione coriandoli.

Non ho più niente di carnevalesco da mostrarvi, però ho ritrovato questo maglione che ho fatto una decina d'anni fa, quando c'è stato un inverno particolarmente freddo. In effetti l'ho usato pochissimo perchè è molto pesante ed ingombrante da indossare. Ho usato una lana fatta a pallini e molto variegata. Il collo è a barchetta perchè era veramente difficile usare questa lana: dovevo stare attenta che i pallini andassero a posizionarsi tutti sul davanti, così ho fatto il maglione il più semplicemente possibile

martedì 29 gennaio 2008

D'Artagnan.

     In velocità vi mostro l'ultimo vestito di Carnevale che ho fatto (già non sopporto il Carnevale in sè, figuriamoci fare i costumi). Mia figlia l'ha voluto ardentemente, dopo che è uscito il film "La maschera di ferro" con Di Caprio (di cui era innamorata pazza, del tipo: cameretta tappezzata di poster!) e con Gabriel Byrne (di cui ero innamorata pazza io! E lo sono tuttora!). Tra l'altro, questo è il nostro film preferito, conosciamo ogni parola a memoria, specialmente la frase "che incredibile audacia!" detta dagli altri moschettieri a loro quattro in uno scontro 4 a TUTTI. Da piangere.
Questo è il davanti


 

E questo il retro


Il mantello è cucito perfetto in ogni piccolo particolare (mi meraviglio di me stessa: non ricordavo di averlo fatto così bene, modestamente): ricordo quanto ho faticato per fare le croci, esattamente come quelle del film. Poi sono bastati un paio di fuseaux neri, gli stivali, un cappello con la piuma e la spada.
Peccato, potrebbe usarlo ancora, ma sono anni che neanche lei si veste più in maschera.

lunedì 28 gennaio 2008

Cane dalmata.

  Mi scuserete se neanche oggi riesco a rispondere ai vostri commenti ed a visitarvi, ma lo farò nei prossimi giorni. La settimana scorsa è stata molto impegnativa e stancante (non sono riuscita nemmeno a prendere in mano l'ago), sabato sono stata a Trieste con Francesca e Bianca per un tour negozidiricamo-parentado e ieri, vista la giornata abbastanza bella, siamo stati tutti a Sistiana Mare


Così oggi ho dovuto fare tre lavatrici, lavare due bagni (che è la cosa che più odio), pulire i pavimenti con aspirapolvere e mocho, riordinare la cucina, stirare e rifare il lettone. Sono semidistrutta e non voglio pensare che stasera mi aspettano le pulizie fuori casa. Sarà la primavera che si avvicina, ma in questo periodo sono molto stanca e due giorni di riposo ormai non mi bastano più per rimettermi in forze. Ricordo che quando lavoravo nello studio commercialista nella quale ho passato 18 terribili anni di mobbing, dicevo tra me e me: "Almeno mi lincenziassero! Andrei perfino a fare le pulizie piuttosto che continuare a lavorare con questa gente!". Devo ammettere che adesso sono felice, qui è tutta un'altra cosa, ma è la mia schiena a lamentarsi.
Vabbè, dai, cambiamo discorso. Oggi vi mostro il costume che ho fatto a mia figlia quando andava alle medie: si tratta di una cagnolina dalmata che io ho fatto con gonna a sbuffo (con la coda attaccata dietro) e che l'anno scorso mia figlia si è fatta modificare da mia sorella in gonna a vita bassa!!! C'erano anche dei copriscarpe, ma visto che il piede è cresciuto, probabilmente li ho buttati



Ho una richiesta da farvi per mia sorella. So che in uno dei blog che visito c'è il tutorial per fare le copertine trapuntate con i quadratini imbottiti singolarmente, a mò di palline. Non ricordo più dove l'ho visto. Mi potete aiutare? Grazie a tutte.
PS: trovato!!! Si trattava di una copertina patchwork biscuit.

domenica 27 gennaio 2008

27 gennaio 2007.



Buon compleanno... al mio blog!!!

E, come regalo, ha ricevuto la 45.000a visita!

GRAZIE A VOI!

venerdì 25 gennaio 2008

Fatina.

      Una fatina in raso bianco, uscita dalle manine d'oro di mia mamma, per Francesca, che all'epoca andava all'asilo

giovedì 24 gennaio 2008

Coniglietto rosa.

     Ecco il primo costume di Carnevale fatto per mia figlia che qui aveva 6 mesi. Siccome non avevo nessun cartamodello, lo ricalcai da una sua tutina e le orecchie le inventai al momento, ricalcando una cuffietta e attaccandoci le orecchie con l'anima in fil di ferro: infatti stanno sbilenche!


Dietro c'è pure il codino

mercoledì 23 gennaio 2008

Costumi di Carnevale.

    Ormai ci sono già in giro le maschere di Carnevale, così ho pensato di mostrarvi i costumi che ho cucito io da sola. Questi due sono i primi, da Re e da Regina, e li ho confezionati a 19 anni per me e per il mio fidanzato e futuro ex marito: era il primo Carnevale in cui eravamo invitati ad una festa, così decisi di mettermi sotto fra stoffe, nastri in raso e paillettes. La foto è venuta male perchè l'ho scannerizzata e, non so perchè, mi esce a puntini!


martedì 22 gennaio 2008

Family Treasure II

Scusate se ancora non ho postato il lavoro che sto facendo, ma per prima cosa ho dovuto scegliere la stoffa e non è stata una passeggiata: infatti le ho tutte troppo scure o troppo rigide o con trame che non mi piacciono, così ho optato per il solito bordo alto 20 cm che uso per tutti i ricami e l'ho tinto nel caffè. Anche qui ho avuto dei problemi, perchè il ricamo che voglio fare è troppo grande, allora ho pensato di farlo 1 su 1, anche se ho giurato e stragiurato di non farlo più, ma non avevo altra scelta. Così sto andando molto a rilento perchè sono un po' "cisba". Per fare la foto ho cercato di finire almeno il bordino in alto


 Ed ecco chi mi fa compagnia mentre ricamo

lunedì 21 gennaio 2008

Chi la dura...

... la vince!!! Lo so che non mi crederete (e non pretendo che lo facciate), perchè non posso crederci nemmeno io, ma sono riuscita a resuscitare il mio adoratissimo cellulare!!!
Da giovedì mattina è rimasto sulla mensolina sopra il calorifero (sono stata attenta a non lasciarlo a stretto contatto con il calore) nella speranza che si asciugasse e già sabato ero riuscita ad accenderlo (si sentiva la musichetta), ma il display si illuminava senza vedere nient'altro, perchè c'erano ancora delle bollicine di umidità. Stamattina ho provato ad accenderlo e, miracolo, si sono viste le scritte, l'orologio, ecc..., allora ho provato ad inserire la scheda ed a telefonare a mia figlia. Che gioia, non lo immaginate nemmeno!!!
Ci sono tutti i numeri che credevo perduti ed anche i messaggi che avevo salvato, TUTTO!
Yuppieeeeeee!!!!!!!!!!!!!!!

ORRIBILE AGGIORNAMENTO DELL'8 APRILE 2008: non ci posso credere, ci sono ricaduta! Stronza che non sono altro!!!
Ho rimacchiato di caffè l'accappatoio bianco, l'ho rimesso in lavatrice senza controllare le tasche, quindi ho rilavato il cellulare, ma questa volta non si riprende, è morto per davvero!!!

MERAVIGLIOSISSIMO AGGIORNAMENTO DEL 25 APRILE 2008: miracolo!!! Oggi ho provato a riaprire il cellulare, ma non succedeva nulla. Allora l'ho messo sotto carica per tre ore e... si è riacceso e funziona meglio di prima!!! Yuhuuuuu!!!
Francy mi ha detto di stare attenta: non c'è due senza tre!

domenica 20 gennaio 2008

Quattro cuori finiti!

Eccoli qua: ieri pomeriggio sono stata dalla mia corniciaia di fiducia che non aveva altro che questo tipo di cornici, ma mi devo accontentare, anche se non sono venuti poi così male


 

Per sostituire due orribili quadri, ho dovuto usare i due chiodi che già c'erano sulla parete ed aggiungerne altri due, quindi l'unica disposizione che potevo fare è questa, anche se non mi soddisfa molto



Quando avrò ricamato altri Parolin, ne cambierò la collocazione.


PS: nel commento sotto il post precedente, causa quella linguacciaccia lunga di mia figlia, ho scritto la storia dei miei occhiali da sole/vista, di cui sono riuscita a trovare la foto che documenta il risultato della vicenda




Alcuni pezzi, oltre alle lenti, sono mancanti, perchè incastrati nelle ruote dell'autobus.

giovedì 17 gennaio 2008

Addio!

   Care amiche vicine e lontane, oggi, purtroppo e senza volere, ho ucciso il mio cellulare : l'ho annegato nella lavatrice! Scrivo questo post per ricordare, in futuro, questa mia leggerezza e fare "mea culpa" . Anche alla Wind si sono messi a ridere: non avevano mai sentito niente del genere.
Sono disperata !

mercoledì 16 gennaio 2008

Quattro cuori.

Ho finito ieri i Quattro cuori di Renato Parolin, solo che ora viene il difficile: non so dove trovare delle cornici identiche a quelle che usa lui, perchè la corniciaia, alla quale mi rivolgo sempre, non ha questo tipo di cornici rustiche e montane. Quindi non so quando vi potrò mostrare il lavoro finito


Ora sto pensando di iniziare il ricamo che mi è arrivato l'8 gennaio: Told in a garden. Ho intenzione di ricamarlo con vari fili, sia quelli in seta (che ho usato per il primo Told in a garden - vedi 1 marzo 2007), sia quelli in lino, che non ho mai provato. Vedremo cosa ne verrà fuori.

martedì 15 gennaio 2008

Premio.

 
Care Viola, Lara, Sara, Serena, Alessandra, Roberta, Valentina, Antonella, Lucia e Eilan è stata una splendida sorpresa, per me, sapere che mi avete premiata con questo riconoscimento (che contraccambio a tutte): significa che ho raggiunto il mio scopo di avere un blog tranquillo e spensierato, dedicato solo alle "nostre" meravigliose arti manuali, senza altre interferenze. Sono felice che avete pensato a me e che il mio blog vi piaccia, e spero, in futuro, di dare ancora tanto a tutte voi che mi seguite con affetto. Grazie!

Queste le regole:


"Dai il premio a 10 persone che hanno un blog capace di trasmetterti gioia ed ispirazione, un blog che ti faccia sentire bene quando lo visiti. Fai sapere a queste persone di averlo vinto lasciando un commento sul loro blog. Attenzione: puoi vincerlo piu' volte!

Premetto che TUTTI i blog che ho elencato qui di lato (e sono più di 110!) mi trasmettono qualcosa di positivo, altrimenti non li avrei linkati, no? E li seguo nei limiti del possibile quasi tutti i giorni, tutti quanti. Leggendovi, mi piace scoprire che tutte noi ci rassomigliamo in qualche modo, con gli stessi gusti e alle volte pensandola allo stesso modo.
Detto questo sceglierò 10 di voi solo perchè so quanto faccia piacere sapere di essere nel cuore di qualcuno e di veder scritto il proprio nome. Ed anche perchè questo premio possa girare ancora per molto, affinchè tutte, alla fine, siano premiate.
Devo però fare la cernita fra quelle che lo hanno già ricevuto (per esempio Denise, che altrimenti avrei sicuramente premiata) per dare la possibilità anche alle altre di riceverlo.

Dunque: ANGI - ANNALIA - CINZIA - ELENA - EMILY - FEDERICA - ISABELLA - LUCIA - MARIA - MONICA - VALENTINA.

La scelta è stata ardua, ma sono stata agevolata dal fatto che molte di voi sono state già premiate (e magari ancora non lo sapete!). Un bacione a tutte.

lunedì 14 gennaio 2008

4 cuori... + 1.

Finalmente mi sono reimpossessata del computer! Quando c'è mia figlia a casa, lo usa sempre lei, sia per l'università che per divertimento. Così in questi due giorni ne ho approfittato per ricamare (e non solo). Questi cuori di Parolin sono velocissimi da fare, peccato che non siano tutti e quattro uguali, ma accoppiati due a due. I due più piccoli li ho già terminati


ora mi manca il secondo dei più grandi


Infine ecco un cuoricino tratto da "De fil en aiguille" che ho ricamato su lino a quadretti bianchi e verdi accostato ad una delle stoffine che mi ha regalato mia figlia a Natale. Il colore del moulinè è nella sfumatura più scura delle rose

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...